CASE STUDY

Cagliari – Italia

Services: Air & Waterproofing, Capping
Technologies: Multi Phase Extraction
Industry: Raffineria-Impianto Petrolchimico

GEOSTREAM, in accordo con gli interventi previsti dal Progetto Unico di Bonifica (POB) dello stabilimento Syndial di Assemini (Cagliari), è stata incaricata alla progettazione e realizzazione del primo modulo pilota di bonifica mediante tecnologia Multi Phase Extraction (MPE). Il progetto prevede l’impermeabilizzazione dell’area mediante stesura di apposito telo in materiale plastico. Tale opera, oltre a ridurre l’apporto di aria atmosferica durante il trattamento di bonifica, limita l’infiltrazione capillare delle acque meteoriche ed il dilavamento della contaminazione nel terreno saturo.

La tecnologia del capping è particolarmente utilizzata nell’ambito di salvaguardia e contenimento di percolato in ambinete di discarica. L’installazione di appositi teli in materiale platico consente di creare un layer di separazione tra i terreni interessati dalla presenza di rifiuti e le terre non contaminate, non permettendo il contatto tra i due corpi.

L’utilizzo del capping, oltre a garantire un barieramento antropico della matrice contaminata, permette una impermeabilizzazione che consente di amplificare e migliorare l’efficienza della tecnologia MPE, evitando così il trattamento della matrice aria e acqua non interessata dalla bonifica in situ.

Per garantire un perfetto risultato, i teli sono stati saldati mediante le stesse tecnologie utilizzate in ambiente di discarica ed I pozzi sono stati rivestiti ed incravattati con il medesimo materiale. Posato il telo, è stato steso un secondo layer composto da geotessuto accoppiato ad un anima drenante, al fine di permettere la filtrazione delle acque e la separazione del materiale di ricoprimento dal telo in HDPE. L’intera opera è stata successivamente ricoperta con materiale inerte, ripristinando l’area allo stato iniziale.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER